Elezioni, Forenza: «Potere al popolo è una ripartenza nel presente e una speranza per il futuro»

Elezioni, Forenza: «Potere al popolo è una ripartenza nel presente e una speranza per il futuro»

di Eleonora Forenza -
L’esito delle elezioni politiche in Italia configura uno scenario assai preoccupante: in primo luogo per l’ampio consenso ricevuto dalla Lega di Salvini (Enf), alleata di Le Pen in Europa e dei Popolari (Berlusconi) e conservatori (ECR) in Italia. Il contrasto dei popolari e dei conservatori ai populismi di destra si conferma puramente retorico. Come la Lega, anche il M5s – alleato di Farage – ha svolto una campagna contro sbarchi e immigrati, risultando il primo partito in Italia. Il M5s, nella sua ambiguità postideologica, ha intercettato la rabbia sociale derivante dagli effetti delle politiche neoliberiste . Secca sconfitta delle liste che fanno riferimento al Socialismo europeo (Partito democratico e e Liberi e uguali) che pagano, giustamente, il prezzo di anni di scelte neoliberiste e di riforme contro il lavoro e lo stato sociale.
In questo contesto di generale spostamento a destra del quadro politico italiano, in cui antirazzismo e antifascismo non rappresentano più valori costituzionali condivisi nell’arco parlamentare, Potere al popolo ha, in solo tre mesi e nel totale oscuramento mediatico, raggiunto un risultato piccolo in termini elettorali ma importantissimo in termini politici e per il futuro: unire soggetti politici e sociali, lotte e movimenti che in questi anni ha lottato per la giustizia sociale e chiedono una rottura con le politiche neoliberiste in Italia e in Europa. Potere al popolo è una ripartenza nel presente e una speranza per il futuro: si è già riconvocato in assemblea il prossimo il 18 marzo.

PRIVACY



Sostieni il Partito con una


Campagna di autofinanziamento. Moduli RID