Roma: Svendita del patrimonio pubblico: chi sono i responsabili?

Roma: Svendita del patrimonio pubblico: chi sono i responsabili?

È di questi giorni la notizia che Palazzo Nardini, sede storica della Casa delle donne a via del Governo Vecchio, sta per essere venduta tramite l’intermediazione di una finanziaria autorizzata – nel quadro del decreto “Sblocca Italia” – a “favorire opportunità di investimento in Italia”.

Il modo di riavviare l’Italia proposto e approvato dal governo uscente è semplice: svendere tutto ciò che è appetibile, dai boschi ai fari passando per altri immobili di pregio, antichi ospedali e interi centri storici. Beni che apparterrebbero alla comunità che non avrà alcun beneficio da questa geniale operazione. Si ritroverà solo più povera, sempre più allontanata dai centri storici e con sempre meno servizi. Emblematica è la recente messa in vendita degli ospedali San Giacomo e Forlanini che, grazie sempre allo “Sblocca Italia”, sono stati improvvisamente disponibili sul mercato.

Le alleanze che attualmente sono alla guida del Governo e della Regione si vantano dei risultati ottenuti per i cittadini chiedendo loro il voto per essere confermati Noi vediamo invece un costante impoverimento collettivo e l’assenza di un progetto politico che porti lavoro, casa, sanità e cultura.

Martedì 27, ore 17 assemblea pubblica alla Casa Internazionale delle Donne in Via della Lungara 19 a Roma

Intervengono
Maurizio ACERBO candidato alla Camera di Potere al Popolo
Michela BECCHIS storica dell’arte
Vezio DE LUCIA urbanista
Franco MAZZETTO architetto, già Direttore Ater Roma
Giulia PEZZELLA storica, responsabile Sportello Popolare

potere al popolo logo

PRIVACY



Aderisci al Partito della Rifondazione Comunista