Salvini – Acerbo: «Andrebbe incriminato per propaganda dell’odio razziale»

Salvini – Acerbo: «Andrebbe incriminato per propaganda dell’odio razziale»

COMUNICATO STAMPA

SALVINI – ACERBO (POTERE AL POPOLO): «ANDREBBE INCRIMINATO PER PROPAGANDA DELL’ODIO RAZZIALE»

«Se l’obiettivo di Salvini è non avere più clandestini – dichiara Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista, candidato di Potere al popolo -, il nostro obiettivo è non avere più Salvini. Non se ne può più di questo personaggio che andrebbe incriminato per propaganda dell’odio razziale.

Soltanto liberandoci di Salvini riusciremo a diminuire il numero di “clandestini”. Infatti bisogna abolire la legge Bossi-Fini per consentire alle persone di entrare in Italia in maniera regolare.
La normativa leghista costringe centinaia di migliaia di persone in una condizione di irregolarità su cui speculano gli stessi leghisti, per nascondere il fatto che da venticinque anni sono parte della coalizione più corrotta e criminogena della storia italiana.

Le dichiarazioni di Salvini e Calderoli sono degne di criminali politici come Goebells. E’ come se si dichiarasse che tutti i maschi italiani uccidono e picchiano le mogli o che tutti i siciliani sono mostri perchè dei mafiosi scioglievano bambini nell’acido. Davvero di fronte a una tragedia come quella di Macerata le parole di Salvini mostrano a quale livello di disumanità possono arrivare dei politicanti senza scrupoli».

1 febbraio 2018


Sostieni il Partito con una


Campagna di autofinanziamento. Moduli RID