Al fianco delle lavoratrici e dei lavoratori dei cantieri di Savona e Pisa di Mondomarine

Al fianco delle lavoratrici e dei lavoratori dei cantieri di Savona e Pisa di Mondomarine

Odg Proposto da Marco Ravera (segretario regionale Prc S.E. Liguria) e Alessandro Favilli (segretario regionale Prc S.E. Toscana) e assunto dal Cpn il 3 dicembre 2017
La profonda crisi che negli ultimi mesi ha attraversato i cantieri navali di Savona e Pisa, di proprietà della Mondomarine di Savona, sembra essere lontana da una soluzione.
A due anni di distanza dall’acquisizione del gruppo savonese dei due cantieri navali, che pareva in grado di rilanciare la produzione di yacht mantenendo, anzi ampliando, i due siti produttivi, la situazione è nuovamente sull’orlo del precipizio: i circa cento addetti presenti nei due stabilimenti, cui vanno aggiunti i lavoratori dell’indotto, sono in stato di agitazione perché l’azienda di proprietà di Falciai a luglio ha chiesto il concordato preventivo, che indica uno stato di crisi o insolvenza e prelude al fallimento e alla chiusura.
In questi mesi i lavoratori dei due stabilimenti di Pisa e Savona si sono trovati uniti nella mobilitazione per impedire la chiusura dei due siti produttivi ed evitare la drammatica situazione che ne scaturirebbe per l’occupazione nelle due città; tuttavia, per la non chiara situazione finanziaria dell’azienda, e per la mancanza di un acquirente credibile al momento, la situazione della Mondomarine appare assai preoccupante.
In realtà, la situazione di difficoltà non deriva da una crisi aziendale legata a mancanza di commesse e lavoro, ma ad una debolezza economico-finanziaria dell’azienda stessa, incapace di sostenere i costi della produzione.
In attesa dell’udienza del 6 dicembre per l’avvio della procedura fallimentare, i lavoratori continuano la mobilitazione per chiedere chiarimenti sull’azione dell’azienda, che non presenta il piano industriale concordatario necessario ad evitare il fallimento, e garanzie precise sulla loro situazione occupazionale.
Il Comitato Politico Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista esprime la più completa solidarietà con i lavoratori di Pisa e di Savona, e sollecita un incontro tra le OO.SS. e l’azienda per risolvere la situazione, e un intervento governativo che impedisca la drammatica soluzione del fallimento e della chiusura dei cantieri, individuando altri soggetti capaci di presentare pieni industriali e occupazionali garantiti con la necessaria copertura finanziaria, per garantire il mantenimento delle attività produttive e l’occupazione attuali.


Sostieni il Partito con una


Campagna di autofinanziamento. Moduli RID