Solidarietà al reverendo Panerini per le minacce omofobe e fasciste

Solidarietà al reverendo Panerini per le minacce omofobe e fasciste

Esprimiamo la solidarietà di Rifondazione Comunista al reverendo Andrea Panerini, Decano della Chiesa Protestante Unita e iscritto al nostro partito, in seguito alle minacce ricevute in reazione alla sua intervista rilasciata Repubblica TV durante il Milano Pride.

Il compagno Panerini era presente al Pride non solo come omosessuale, ma anche per testimoniare l’operato della sua Chiesa, che rifiuta ogni forma di discriminazione e celebra matrimoni anche tra persone dello stesso sesso.
La ripubblicazione del video sul sito de “La Provincia Pavese” ha scatenato attacchi ingiustificabili nei suoi confronti, uno dei quali, contenente minacce l’incolumità fisica sua e dei suoi fedeli, è riconducibile alla formazione neofascista “Fiamma Nazionale”.
Non abbiamo gli strumenti per entrare nelle dispute teologiche in seno al cristianesimo sull’omosessualità, ma è nostro dovere politico sottolineare il legame tra omofobia e neofascismo nel prospettare una società chiusa, escludente, violenta. Di tutt’altra natura è, invece, l’idea di società del compagno Panerini, che agisce nel segno del socialismo cristiano. La nostra comunità politica continuerà a sostenerlo e a contrastare ogni forma di violenza omofoba e ogni recrudescenza neofascista.
Silvia Conca, responsabile nazionale PRC Politiche LGBTQI e intersezionalità

Elisa Corridoni, responsabile nazionale PRC Movimenti LGBTQI

prete


Sostieni il Partito con una


Campagna di autofinanziamento. Moduli RID