Rete europea per il diritto di dissenso, conferenza stampa giovedì 22 giugno alla sede del Parlamento Ue a Roma, con Eleonora Forenza e Osservatorio repressione

Rete europea per il diritto di dissenso, conferenza stampa giovedì 22 giugno alla sede del Parlamento Ue a Roma, con Eleonora Forenza e Osservatorio repressione

INVITO CONFERENZA STAMPA



PRESENTAZIONE DELLA RETE EUROPEA PER IL DIRITTO DI DISSENSO IN DIFESA DELLE LOTTE SOCIALI

GIOVEDì 22 GIUGNO ALLE 15 PRESSO LA SEDE DEL PARLAMENTO EUROPEO
A ROMA
, in VIA IV NOVEMBRE 149

A Bruxelles il 28 e 29 giugno prossimi si terrà, su iniziativa dell’Osservatorio Repressione e della deputata europea Eleonora Forenza, una due giorni per la nascita
di una rete Europea per il diritto di dissenso in difesa delle lotte sociali, alla quale parteciperanno giuristi, esperti, attivisti da tutta Europa.

Giovedì 22 giugno, a Roma, presso la sede del Parlamento Europeo in via IV Novembre 149, alle 15, verranno illustrati i contenuti dell’iniziativa europea.
Parteciperanno alla conferenza stampa:

Eleonora Forenza, eurodeputata de L’Altra Europa – gruppo GUE (Sinistra Unitaria Europea)/NGL

Italo Di Sabato, Osservatorio repressione

Cesare Antetomaso, avvocato, Giuristi democratici

Francesco Romeo, avvocato

Paolo Di Vetta, attivista sociale

Giovanni Russo Spena, giurista

«Quello che stiamo cercando di fare – dichiara Eleonora Forenza – è unire le lotte e le pratiche dei vari Paesi, di fronte a una crescente criminalizzazione del dissenso e a episodi sempre più gravi di negazione dei diritti delle persone. In tutta Europa le lotte sociali vengono viste come un “problema di ordine pubblico”, da relegare nelle aule giudiziarie, al fine di intimorire i cittadini. Dare legittimità alle lotte impone un’altra narrazione: quella del mondo che reclama reddito, salvaguardia dei beni comuni, diritti sociali e di cittadinanza».

Per partecipare alla conferenza stampa è necessario registrarsi inviando il proprio nome e cognome a eleonora.forenza-office@europarl.europa.eu
Grazie

Sostieni il Partito con una


Campagna di autofinanziamento. Moduli RID