Solidarietà ai lavoratori della logistica in sciopero

Solidarietà ai lavoratori della logistica in sciopero

di Paolo Benvegnù, segretario regionale Prc Veneto -

Il 29 e il 30  di ottobre i sindacati Adl Cobas e Si Cobas hanno indetto lo sciopero generale dei lavoratori della logistica.
Una scadenza costruita con assemblee indette in molte città in un percorso  che ha coinvolto la maggioranza dei principali centri della logistica nel nostro paese, gangli nevralgici della gestione del flusso delle merci.
Lo sciopero generale arriva dopo molte vertenze,dure, con scioperi prolungati e larga partecipazione dei lavoratori che, in molte realtà hanno conseguito significativi miglioramenti della loro condizione, sia dal punto di vista salariale che da quello delle condizioni materiali e normative nei luoghi di lavoro. Protagonisti di queste lotte sono stati prevalentemente i lavoratori migranti che costituiscono la stragrande maggioranza della forza lavoro.

Una centralità politica concquistata nelle lotte che hanno saputo rompere catene di sfruttamento spesso segnate da tratti bestiali e pratiche  mafiose che per un lungo periodo hanno connotato, e in parte connotano ancora, la realtà di questo segmento fondamentale  nella catena della produzione e circolazione
delle merci. Lo sciopero generale del comparto logistica trasporto merci e spedizioni oltre a perseguire gli obiettivi propri del settore e il riconoscimento delle rappresentanze liberamente scelte dai lavoratori ai tavoli delle trattative è indetto contro il Jobs Act , la legge di stabilità, e le politiche del governo che producono miseria e devestazione sociale, contro il razzismo e per il diritto alla casa.  Parole d’ordine chiarissime che Rifondazione Comunista non può non sostenere.


Sostieni il Partito con una



 
Appuntamenti

PRIVACY

Installa l'App Rifondazione






o tramite bonifico sul cc intestato al PRC-SE al seguente IBAN: IT74E0501803200000011715208 presso Banca Etica.